AVE GIUSEPPE

Ave Giuseppe, figlio di Davide,
uomo giusto e verginale, la Sapienza è con te,
tu sei benedetto fra tutti gli uomini e benedetto è Gesù,
il frutto di Maria tua sposa fedele.
San Giuseppe, degno Padre e protettore di Gesù Cristo e della Santa Chiesa,
prega per noi peccatori e ottienici da Dio la divina Sapienza,
adesso e nell’ora della nostra morte.
Amen!

Questa è la bellissima preghiera che Gesù ha chiesto a Edson Glauber di recitare in onore di San Giuseppe e di diffondere a tutti gli uomini di buona volontà, figli fedeli e obbedienti alla Chiesa.
Dal messaggio in cui Gesù insegna l'Ave Giuseppe:
"in questo modo si onora ancora di più il mio Padre Verginale Giuseppe, glorificandoLo ed esaltando il Suo nome santo come Protettore della Santa Chiesa ed Intercessore che vi ottiene le grazie necessarie dal mio Cuore Divino per la salvezza vostra e per le vostre necessità corporali e spirituali, oltre alla Sapienza divina della quale molti uomini hanno bisogno in questi tempi, per essere giusti e santi; amate la giustizia, poiché la Sapienza non entrerà mai nell’anima perversa, né abiterà in un corpo soggetto al peccato. In questo modo Io voglio mostrare al mondo e alla Chiesa quanto Mio Padre Giuseppe è stato puro e santo ai Miei occhi, agli occhi del Mio Padre del Cielo e davanti allo Spirito Santo, tanto che lo abbiamo scelto per una così grande missione."

La preghiera Ave Giuseppe originale è stata scritta da San Luigi Maria Grignon de Monfort.
San Luigi Maria Grignon de Monfort, vissuto dal 31 gennaio 1673 al 28 aprile 1716, è un sacerdote Francese fondatore della Compagnia di Maria e delle Figlie della Sapienza è stato proclamato santo nel 1947 da Papa Pio XII, e nel 2000, sotto il pontificato di San Giovanni Paolo II Papa, è stata aperta la causa per proclamarlo dottore della Chiesa.
Questo il testo originale:

Ave, Giuseppe, uomo giusto, la Sapienza è con te.
Tu sei benedetto fra tutti gli uomini
e benedetto è il frutto di Maria tua Sposa fedele, Gesù.
San Giuseppe, degno padre putativo di Gesù,
prega per noi peccatori e ottienici la divina Sapienza,
adesso e nell'ora della nostra morte.
Amen!

Con questo messaggio Gesù desidera sottolineare tre aspetti con le parole aggiunte alla preghiera Ave Giuseppe:
  • l’espressione “figlio di Davide” : è la Tribù di Israele cui San Giuseppe è appartenuto e dalla quale egli regna come Patriarca ed è la discendenza davidica che doveva essere data a Gesù;
  • “verginale” : mostra alla Chiesa e al mondo la verginità di San Giuseppe. Da questo comprendiamo che se San Giuseppe ha un Cuore casto, allora Egli è puro e vergine in tutto il suo essere: di mente, di corpo, di cuore e di anima. Come Gesù ci ha detto nelle Beatitudini: “Beati i puri di cuore, perché vedranno Dio” (Mt 5,8), San Giuseppe non solo ha visto, ma ha toccato, ha abbracciato e ha baciato Colui che il cielo e la terra non possono contenere, coprendolo con il Suo manto protettore e difendendolo contro ogni male e pericolo;
  • “Protettore della Santa Chiesa” : San Giuseppe è stato dichiarato dal Papa Pio IX, il giorno 8 dicembre 1870, Patrono e Protettore Universale della Chiesa Cattolica. Gesù ha ricordato questo avvenimento nello stesso messaggio del giorno 7 gennaio 2008: “La Chiesa lo ha dichiarato Patrono e Protettore ed è la Mia volontà che sia così e che tutti gli uomini ricorrano a questo Figlio di Davide e uomo giusto che è il Mio Padre Verginale”.
Messaggio completo di Gesù che insegna la preghiera Ave Giuseppe

 Stampa  Email